martedì 1 agosto 2017

“INGIUSTO CHE LA VEDOVA DI UN ONOREVOLE FACCIA LA SGUATTERA SE LUI MUORE”: COSI’ LA FECCIA AUMENTA DEL 20% LA REVERSIBILITA’ DEI VITALIZI


LINKI SPONSORIZZATO


LA FACCIA DI BRONZO DELLA FECCIA CHE CI GOVERNA NON HA LIMITI. IL FATTO CI RACCONTA L’ULTIMA PORCATA DEI PARASSITI. COME SAPETE STANNO FACNDO LE

 PEGGIO PORCATE PER NON TAGLIARE I VITALIZI, IL VERGOGNOSO ASSEGNO DA SULTANO CHE QUESTI SCHIFOSI PERCEPISCONO A FINE MANDATO. NON TUTTI SANNO CHE L’ASSEGNO VIENE PROLUNGATO ANCHE ALLA LORO MORTE A MOGLIE E FIGLI. EBBENE ECCO COSA HA DICHIARATO UNA SCIANTOSA DEPUTATA PD PER GIUSTIFICARE L’ENNESIMO FURTO, OVVERO L’AUMENTO DEL 20% DELLA REVERSIBILITA’


di Thomas Mackinson per Il Fatto Quotidiano

Primo sì al ricalcolo delle pensioni parlamentari in essere col sistema contributivo. All’ultimo però passa il cavillo da Casta: la reversibilità è aumenta di un quinto se i beneficiari non hanno altri redditi. Inps: “Privilegio che non ha pari”. La firmataria Gasparini (PD): “Ingiusto che i congiunti dei parlamentari finiscano a fare la sguattera o il giardiniere”

Dall’Inps assicurano che in Italia non c’è categoria che goda di una norma tanto favorevole da aumentare di colpo la pensione di reversibilità del 20%. Non i 21 milioni di dipendenti pubblici e privati  cui ogni anno eroga le pensioni, che al massimo possono contare sulle rivalutazioni Istat dello zero virgola o di vedersi alzare l’importo, se inferiore, ai 501 euro di pensione sociale. Il problema comune a tutti gli italiani non riguarderà invece mogli e figli di 2.470 ex onorevoli e 1.650 ex consigli regionali che al momento di incassare la reversibilità potranno contare su un assegno aumentato automaticamente di un quinto. A prescindere dall’importo. Ed ecco rispuntare il privilegio, per di più nella legge nata per abolire il più avversato di tutti: il ricco vitalizio che a ancora oggi consente agli ex parlamentari di incassare anche 5-6mila euro al mese a fronte di qualche legislatura in Parlamento.

Parliamo della loro rottamazione, visto che eri il Parlamento ha assestato al vitalizio il primo colpo mortale della storia.  La Commissione Affari Costituzionali della Camera ha approvato il testo base, a firma di Matteo Richetti, che dispone il ricalcolo dei trattamenti in essere col sistema contributivo. Si tratta di una rivoluzione copernicana che il 31 maggio dovrà ricevere il voto d’aula, passare al Senato e (salvo resistenze e rimpalli) diventare legge entro la fine della XVII legislatura. Che sia un tonico per la reputazione delle istituzioni, una cura dimagrante per i privilegiati e un risparmio straordinario per le casse pubbliche non c’è dubbio. Però però.

La pillola, contro la quale già si annunciano ricorsi (per i famosi “diritti acquisiti”), è un po’ meno amara del previsto: all’ultimo passa un emendamento che accorda un beneficio ben poco perequativo nella corsa a omologare il trattamento degli ex onorevoli e consiglieri a quello dei lavoratori dipendenti. Riguarda la “Rideterminazione degli assegni vitalizi” (art.13), lo firma la deputata Pd Daniela Gasparini e recita così: “In assenza di altri redditi di cui all’articolo 6, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, per i soli trattamenti in essere alla data di entrata in vigore della presente legge, la misura della pensione di cui all’articolo 11 è aumentata del 20 per cento”.

In soldoni significa che in caso il congiunto beneficiario della reversibilità non abbia “redditi da lavoro dipendente/autonomo e d’impresa, rendite fondiarie e redditi da capitale” percepirà il 60% dell’importo come gli altri italiani, ma aumentato di un quinto. Automaticamente, senza soglia massima ne criteri patrimoniali. E pace se in quelle stesse famiglie, a differenza di altre, per anni si è materializzato uno stipendio parlamentare da 10mila euro al mese.


1 commento:

  1. Come prima cosa bisognerebbe evidenziare che la firmataria Gasparini prima di parlare di SGUATTERE faccia Lei praticantato, così saprebbe di cosa parla. Seconda, nessuno ha obbligato alcuna persona ad entrare in politica, quindi quando finisce il suo mandato, visto che ha fatto una scelta libera, torna tranquillamente al suo lavoro. Terzo, la moglie di un politico non è diversa dalla moglie di un operaio, ha due braccia e due gambe anche Lei. Quarto, ancora stiamo ascoltando queste SANGUISUGHE??? Basta basta basta!!!!

    RispondiElimina

Renzi dice una bufala sul M5S, Formigli lo umila in maniera epica!

Matteo Renzi non si smentisce mai. In diretta a "PiazzaPulita", l'ex Premier dice una fake news sul programma del M5S: &quo...